About Bianca

Posts by Bianca:

Obiettivo Pelle // Il pH e la Pelle

pelle,pelle del corpo,pelle del viso,informazioni utili,ph,detersione pelle

Cos’è il pH?

Il pH è una abbreviazione chimica che sta per potentia hydrogenii e rappresenta la concentrazione di ioni idrogeno presenti nella composizione chimica di una sostanza. A seconda del valore di pH distinguiamo sostanze acide, neutre o basiche (alcaline).

La scala di pH si estende dal valore 0, cui corrisponde la massima acidità, al valore 14, cui corrisponde la massima basicità. Il pH 7 è neutro. L’acqua ha pH 7, neutro. I saponi tradizionali hanno un valore superiore a 7, sono quindi alcalini, mentre la nostra pelle ha un pH acido, con un valore intorno al 5.

La pelle e il pH

La pelle è leggermente acida, con un pH (grado di acidità) pari in media a 5,5. L’acidità della pelle ha diverse funzioni: mantiene la durezza della cheratina; inibisce la crescita di funghi e di batteri patogeni; contrasta i processi di ossidazione.

In alcune parti del corpo, come le zone intime, l’acidità è ancora maggiore, per garantire una protezione migliore dalle infezioni. La microflora cutanea, composta da tanti microrganismi diversi (funghi, batteri, lieviti…), ha una funzione di mediazione tra l’organismo e il mondo esterno; ad esempio, quando si mette una crema, questa viene “digerita” ed elaborata dalla microflora prima di penetrare.

È quindi molto importante rispettare l’equilibrio naturale dei microrganismi, e l’acidità è un fattore fondamentale per conservare questo equilibrio. In linea di massima i prodotti cosmetici dovrebbero avere un pH isoepidermico, ovvero simile a quello della pelle, cioè acido (il valore medio è intorno na 5,5); un prodotto a pH neutro, cioè uguale a 7, è già troppo basico o meglio non abbastanza acido.

Ps. Si scrive pH, con la p minuscola e l’H maiuscola. 

{Da Cosmesi Naturale PraticaFrancesca Marotta}

Obiettivo Pelle // Tutto Quello che Devi Sapere sull’Epidermide

Pelle

La pelle: va pulita, esfoliata, idratata, nutrita, coccolata, amata… È importante ricordarsi delle sue moltissime qualità e prendersene cura al meglio. Lo sapevate che la pelle è l’organo più esteso del corpo? Che forma una barriera contro l’azione di intemperie e microrganismi patogeni? Che regola la temperatura attraverso il sudore?

Ecco una breve panoramica per imparare qualcosa di più sulla nostra pelle e capire come dovremmo curarla per averla sempre bella, idratata e luminosa.

Con i suoi quasi due metri quadri di superficie, è l’organo più esteso del corpo. La pelle forma un rivestimento flessibile e resistente che protegge i tessuti sottostanti, formando una barriera contro l’azione di intemperie e microrganismi patogeni.

Ma la pelle non serve solo a proteggere; è un organo di senso che, con il tatto, ci permette di “leggere” l’ambiente circostante e di interagire con esso; regola la temperatura corporea tramite la sudorazione; è un importante organo emuntore che, come il fegato, i reni e l’intestino, espelle dall’organismo tossine e scarti metabolici; è una “fabbrica” di sostanze importantissime come la vitamina D e la melanina; è un organo di comunicazione, che con un complesso linguaggio fatto di messaggi olfattivi comunica agli altri se siamo stanchi o stressati, o se siamo dell’umore giusto per il corteggiamento.

È anche uno stupefacente zoo che ospita centinaia di specie diverse di “animali” (la microflora cutanea), alcuni utilissimi e altri un po’ fastidiosi. È per questo che va trattata con cura, evitando di “stressarla” con lavaggi troppo energici o di “verniciarla” con sostanze che le impediscano di funzionare a dovere. Una pelle sana e ben trattata è naturalmente morbida, liscia, idratata, non unta; si mantiene pulita a lungo e non emana odori sgradevoli.

Lo Strato Corneo

Lo strato più esterno della pelle si chiama strato corneo, ha una struttura a lamelle o “squame” ed è formato da cellule cheratinizzate, ovvero trasformate fino a diventare un ammasso di cheratina; una proteina dalla consistenza molto dura, capace di formare strutture fibrose resistenti; anche le unghie, i peli e i capelli devono alla cheratina la loro struttura.

Le lamelle cornee della pelle aderiscono le une alle altre grazie a un “cemento” formato da molte sostanze diverse: il Mantello Acido Idrolipidico (MAI). Il MAI è composto di una parte grassa, rappresentata dal sebo prodotto dalle ghiandole sebacee, e da una parte acquosa denominata Fattore di Idratazione Naturale (in inglese: Natural Moisturizing Factor o NMF).

Il MAI ha diverse funzioni: oltre a tenere insieme le lamelle cornee, rendendo così la pelle resistente ma anche flessibile ed elastica, forma uno strato superficiale protettivo che funziona da barriera antidisidratazione e idrorepellente. Il MAI ostacola cioè la perdita di acqua dalla pelle, e allo stesso tempo la rende pressoché impermeabile all’acqua.

Nutrire e Idratare

Alcune creme idratanti sono formulate con il sistema dei liposomi: si tratta di microscopiche “sferette” formate da un guscio di sostanza grassa che contiene un composto acquoso; i liposomi vengono riconosciuti come sostanza grassa, passano la barriera del MAI e raggiungono la base dello strato corneo, dove vengono disintegrati dagli enzimi e rilasciano, oltre alla componente grassa, anche le sostanze acquose.

Un sistema di liposomi come quello che abbiamo appena descritto, o sistemi analoghi come fitosomi o nanosomi, non sono però sufficienti a restituire alla pelle l’acqua di cui ha bisogno, se non in minima parte. Molte creme idratanti funzionano in realtà come anti-disidratanti, formando un velo idrorepellente che si distribuisce sulla pelle “rinforzando” la funzione del MAI e ostacolando la perdita di acqua. A questo scopo si usano sostanze filmogene, cioè capaci di formare un “velo” uniforme sulla pelle, come la vaselina (che però tende a essere occlusiva, cioè a ostruire i pori), i grassi di vario tipo, la cera d’api e molte altre sostanze di origine vegetale o sintetica.

Le creme idratanti generalmente contengono anche sostanze acquose destinate a “reintegrare” l’NMF. La componente acquosa della pelle è indispensabile per garantire turgore, morbidezza, resistenza ed elasticità: una pelle non idratata può diventare ruvida, fragile, rilassata e tendente alla rugosità.

In realtà l’acqua cutanea e l’NMF vengono forniti continuamente alla pelle dall’organismo, con meccanismi che ovviamente funzionano meglio se tutto il metabolismo funziona come si deve; se l’alimentazione è squilibrata, se ad esempio non si beve abbastanza acqua, anche l’idratazione cutanea può risentirne. Ma una delle cause più comuni di disidratazione sono i lavaggi troppo drastici e troppo frequenti, che rimuovono una gran parte del MAI senza dare alla pelle il tempo di ricostruirlo.

{Da Cosmesi Naturale Pratica, Francesca Marotta}

Maschera Viso agli Agrumi, Mela e Rosmarino Per Pelle Grassa

maschere viso,pelle grassa,mela,arancia,rosmarino,limone,succo di limone,maschere purificanti,maschere astringenti

Per chi ha la pelle grassa e cerca un rimedio naturale astringente ma delicato al tempo stesso. A base di agrumi, mela e rosmarino, è una maschera purificante per la pelle che tende ad ingrassarsi subito e che presenta impurità.

Ingredienti:

  • 1 arancia
  • 1 mela verde
  • 2 rametti di rosmarino fresco
  • 1 cucchiaino di succo di limone

Preparazione:

_ Fai un infuso di rosmarino: fai scaldare 100 ml di acqua in un pentolino e immergi i rametti di rosmarino nell’acqua bollente. Poi spegni il fuoco e lascia a bagno i due rametti per circa 10 minuti.

_ Nel frattempo sbuccia l’arancia e la mela, elimina i semi dalla mela e poi metti i due frutti nel frullatore. Fai andare il frullatore fino a quando non otterrai una crema morbida, poi aggiungi il succo di limone e due o tre cucchiaini di infuso.  

{Se la maschera è troppo liquida aggiungi dell’amido di riso o dell’argilla verde fino ad ottenere un composto denso e cremoso.}

Uso:

Applica sul viso pulito e lascia agire per una ventina di minuti circa, poi lava con acqua tiepida e asciuga tamponando con una salvietta.

Il rosmarino ha un’azione astringente e purificante e normalizza la produzione di sebo, svolgendo un’efficace azione contro brufoli e punti neri. Gli agrumi esaltano la funzione astringente del rosmarino e la mela è un idratante leggero, infatti combinata ad una maschera purificante aiuta a non seccare troppo la pelle e a pulirla in profondità ma con dolcezza.

Amiche Erbe, Conosciamole Meglio // Glossario delle Preparazioni

erbe e piante,infusi,decotti,tisane,lozioni,compresse

Le erbe sono preziose alleate della nostra bellezza: infatti le loro proprietà non sono solo aromatiche e curative, ma possono trasformarsi in ottimi cosmetici fai da te, sia per curare il nostro corpo esternamente sia per purificarlo e disintossicarlo dall’interno.

Una crema non può ringiovanire la pelle, così come uno shampoo non può liberare dalla forfora: per stare bene dentro e fuori c’è bisogno di un organismo che funzioni bene e sia purificato e sano! Scopriamo insieme quali sono le preparazioni fondamentali delle erbe per avvicinarci alla cosmesi naturale. 

Infuso: è un tipo di tisana che che viene utilizzata per estrarre principi attivi delle parti più delicate di una pianta officinale: fiori, parti erbacee e foglie. Come si prepara? Si versa acqua bollente sulle erbe, si copre e si lascia in infusione per qualche minuto. In seguito si filtra ed è pronto.

Decotto: è una forma di tisana che viene utilizzata al fine di poter estrarre i principi attivi dalle parti della pianta più dure: radici, semi, corteccia o legno. Per preparare un decotto si mettono le erbe in acqua fredda e si fa bollire, coperto e a fuco basso. In seguito si filtra ed è pronto.

Tisana: è un infuso o un decotto molto diluito.

Lozione o macerato: le erbe vengono fatte macerare in un liquido (diverso a seconda del risultato che si vuole ottenere) e per un certo tempo stabilito.

Polpa: le foglie, i frutti o le radici della pianta vengono messi nel frullatore o nel mortaio e dopo aver frullato o pestato, bisogna trasferirli in una tela a trama fitta e strizzare forte per eliminare il succo.

Compressa: è una garza bagnata in un infuso, decotto o lozione da applicare sulla pelle.

Struccante per Occhi Delicato alla Calendula

struccanti,trucchi e cosmetici,olio d'oliva,olio di calendula,olio di ricino,occhi

Gli occhi sono delicati e non ci vuole molto a farli arrossare e lacrimare, soprattutto quando ci apprestiamo a struccarci: questo è uno struccante delicato, pulisce dai residui di trucco con delicatezza e dolcezza grazie agli oli vegetali che contiene.

Ingredienti:

  • 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
  • 1 cucchiaio di olio di ricino
  • 2 cucchiai di olio di calendula (o oleolito di calendula)

Preparazione:

_ Mescola con cura gli oli e conserva l’olio ottenuto in una bottiglietta di vetro scuro chiusa ermeticamente.

Uso:

Al momento di struccarti metti un pochino di olio su un batuffolo di cotone, avendo cura di non esagerare, e passalo sugli occhi dolcemente. Per eliminare i residui d’olio usa un batuffolo imbevuto di acqua calda e successivamente applica il tonico.

L’olio lenisce ed ha la proprietà di rimuovere con efficacia i residui di trucco, senza irritare la zona oculare e con estrema delicatezza.